giovedì 18 luglio 2013

pronta a partire

questa sera è l'ultima della mia vita in residenza
sono troppo felice di traslocare e lasciare questo posto in cui ho sofferto e basta.
se questi muri potessero parlare racconterebbero storie si abbuffate, pianti e solitudine
ma ormai me ne vado e questo mi basta per sorridere ininterrottamente da giorni

ho pulito, ordinato, fatto valigie e scatole, ed è tutto finalmente pronto
io sono pronta
penso di essere così felice perché mi sembra di lasciare il male di questo inverno qui, dove tutto è avvenuto, e di abbandonarlo in questa stanza che non rivedrò mai più
so che non è così e che il male è dentro di me
infatti mangio davvero male ultimamente ma il bello è che non me ne importa, o meglio, non ne faccio il punto focale di ogni singolo pensiero.

sinceramente sono tranquilla anche perché ho fatto molti piani e calcoli per la settimana avvenire, in cui starò con i miei

farò di tutto purché vada bene
ora penso solo ed esclusivamente a festeggiare
evviva le partenze, evviva gli adii ai posti che ci hanno fatto soffrire
e se penso che per il trasloco dell'anno scorso ho fatto una tragedia... come cambiano le cose

un bacione
Emy



mercoledì 17 luglio 2013

buon giorno ragazze!

vi scrivo questo post di prima mattina perché se posticipo alla sera, come ho fatto ieri, so che non ne avrò il tempo. Questi, infatti, sono giorni di fuoco, tra il trasloco, lauree, feste di addio e sopratutto, l'otite.
Non ho il tempo nemmeno per sedermi e questo mi piace tantissimo, ma il dolore all'orecchio e terrificante.
Ho dovuto prendere delle gocce e una medicina, nonostante io assuma farmaci solo in caso di morte imminente, ma avevo troppo dolore e troppi troppi troppi impegni.
Sono felice e dolorante.
L'unico lato positivo di questa otite è che domenica, giorno in cui mi son decisa ad andare in farmacia perché non c'è la facevo più, ero così distrutta che non riuscivo ad aprire la bocca più di un tot perché mi provocava dolore, e così ho vissuto tutto il giorno di frullati bevuti con la cannuccia. Una sorta di giornata liquida.
Oggi va un po' meglio, ma comunque mi è stato vietato di andare a correre.
Per questo ho deciso di viverla come viene in questi giorni, cioè niente corsa, vado alle feste e mi diverto. Ingrasserò e fine. Che ci posso fare? io voglio vivermi questi ultimi giorni dell'anno accademico al 100%
voglio uscire di casa alle 9 del mattino e correre da una parte all'altra della città, e una volta a casa sgobbare tra la roba ancora sparsa per la camera cantando con freddie mercury o lucio battisiti, per poi farmi una doccia e uscire di nuovo.
Poi rimedierò una volta tornata a casa, anche perché mi devo dare una sistemata per la vacanza con mia sorella.
Quest'anno sarà il primo anno della mia vita che vado via solo con lei, senza i miei genitori, zii o nonni appresso, e io odio immensamente stare vicino a lei in costume. Fate conto di essere messe di fianco a una copia di voi stesse, con i capelli più corti, gli occhi di un altro colore e 15 kg in meno, dove 15 non è un numero a caso ma il conto esatto di quanto grasso avete più di lei.
Farò in modo che mi importi ben poco, rincominciando ad andare a correre tutti i giorni, due volte al giorno, da quanto torno a casa dei miei a quando partiamo. Voglio davvero andare al mare senza farmi troppe pare, lasciare a casa tutto e ed essere noncurante di quello che vedo allo specchio e penso con questo cervellino bacato, per godermi così ogni singolo secondo della vacanza. Io ci voglio provare davvero.

Ora scappo che mi devo preparare per una laurea,
buona giornata a tutte
un grosso bacio
Emy




sabato 13 luglio 2013

nuove partenze

rieccomi dopo 14 giorni di assenza dal blog, sole due settimane ma piene di avvenimenti. Finalmente delle belle novità positive.

Inizio col dirvi che sono nuovamente tornata dai miei per qualche giorno, subito dopo aver scritto l'ultimo post. Dopo 5 giorni di convivenza con i miei finalmente, una sera mentre cenavamo, sono riuscita a dirgli di alcune delle mie angosce, di come mi sembri di aver sprecato un anno, di come tutto mi sembri inutile, che mi vedo così inferiore a tutti e a alla me stessa di una volta e che provo così rabbia e scoraggiamento da sentirmi paralizzata. Tutto questo ovviamente tra le lacrime e singhiozzi di uno sfogo che per troppo tempo ho rimandato.
I miei sono stati meravigliosi! Non conosco aggettivo che li descriva davvero. Mia madre ha buttato sullo spirito mentre mio padre, con gli occhi lucidi, mi diceva frasi rincuoranti e piene di forza e potenza .. davvero la serata ha superato ogni aspettativa e dopo quelle due ore passate a parlare è stato quasi come rinascere.
Mi sono liberata di questo terribile peso che avevo dentro e sono riuscita così a pensare al mio futuro in modo più lucido, grazie anche alle parole e ai suggerimenti dei miei.

Ho capito che non posso sempre guardare indietro. Questo vale sia nello studio, che nello sport, che sul mio fisico e la dieta.
Ogni giorno noi cresciamo e cambiamo. Che lo vogliamo o no, non possiamo essere gli stessi identici personaggi che aravamo due secondi prima, tre giorni fa, un mese fa oppure qualche anno addietro. Noi invecchiamo e cambiamo e questo è un dato di fatto.
Per questo non posso continuare a guardare indietro. Il passato non lo posso cambiare e nemmeno farlo tornare.

Ora tento di guardare avanti in ogni cosa. Riprendo in mano il mio motto preferito "ognuno è artefice del proprio destino", citazione che mi ha sempre ispirato, e vado riprendo in mano tutto.

Come ha detto mio padre prenderò quest'anno passato come un anno sabbatico, un anno in cui ho avuto la possibilità di crescere, di provare l'esperienza del non riuscire e ora ne faccio tesoro per il futuro. Forse un'altra volta quando mi troverò disorientata e persa nella mia stessa mente potrò pensare a questi tristi mesi e uscirne prima.

Insomma ragazze mie sono tornata, serena e piuttosto allegra. Da quanto sono ritornata a Padova ho iniziato nuovamente ad uscire la sera, sto facendo gli scatoloni per l'ennesimo trasloco e cerco casa con tre carissime amiche.
Sul fronte dieta/peso invece oscillo tra i 68 e i 70 ma ora mi è anche tornato il ciclo per cui non so se sia gonfiore o peso reale. Ho anche iniziato un programma di 18 allenamenti di corsa (ora sono al quinto).

Rincomincio a scrivere spesso, magari mettendo anche il diario alimentare così sono più motivata a mangiare sano e stare nel range di calorie.


Spero di non avervi annoiato con questo post super lungo.
Io vi ringrazio per ogni frase, parola, commento che mi avete lasciato in questi mesi bui, vi ringrazio tutte quante e mando ad ognuna un abbraccio fortissimo.
In questi giorni passerò anche dai vostri blog a vedere che combinate e come ve la passate voi.

Un bacio
Emy