giovedì 31 luglio 2014

16.

ieri è andato tutto come programmato!
ho cucinato metà del pomeriggio per la festa a sorpresa che si sarebbe tenuta a casa mia. Nonostante fossi davanti al cibo senza aver ingerito nulla tutto il giorno non avevo la minima voglia di assaggiare nulla. Solitamente quando preparo da mangiare sono sempre tantatissima di sbranarmi un pezzo di mozzarella, o un quadretto di prosciutto, sopratutto mentre nessuno guarda.. ieri invece niente! Ho resistito fino a cena.
Una volta a tavola con tutti mi sono servita una fetta di lasagna che ho fatto durare per tutto l'arco della cena, parlando, giocando, gesticolando in modo da non finirla presto e non dover rimanere con il piatto vuoto. Inoltre era un porzione abnorme e solo quella avrà avuto non voglio sapere quante calorie.
Poi, come se la lasagna non fosse una bomba, dopo vari giochi fatti al festeggiato, siamo giunti alla torta con panna e crema, che non ho rifiutato.

Quando era arrivato il momento di uscire mi sentivo malissimo e ho dovuto persino cambiare outfit per il disgusto che provavo verso me stessa.

Nel complesso, tralasciando le mie preoccupazioni, la serata è stata un gran successo. Sono sempre soddisfatta quando organizzo qualcosa e la gente si diverte!
Ovviamente la casa era un caos e questa mattina, essendomi alzata per prima. ho pulito tutto con calma. La cucina in particolare era un disastro: tutte le posate sporche, mille piatti da lavare, pentole impilate nel lavello, bicchieri a non finire... Ho messo la musica e in meno di un ora ho sistemato ogni cosa.
Ora faccio la colazione, poi fagiolini a pranzo e per oggi con il cibo finisco così.


comunque...
Ho il terribile presentimento di aver ri-preso tutti i kg persi la scorsa settimana e questo è il motivo principale per il quale non mi peso. Se dovessi rivedere quel numero impazzirei! o mi abbufferei fino a sentire lo stomaco esplodere oppure non mangerei più.. Meglio stare lontana dalla bilancia e disintossicarmi un paio di giorni.

ora vado dal mio amato caffè,
a presto ragazze
Emy




mercoledì 30 luglio 2014

15.

Rieccomi qui di nuovo, nella mia city, con il mio PC e tanta voglia di aggiornarvi.
Come mai sono sparita un settimana? cosa è successo in questi giorni?

Fino a Giovedì è andato tutto bene. La dieta proseguiva nonostante casa mia fosse invasa da persone e non avessi più un attimo di privacy per pesarmi. E' stato tutto molto divertente, il fatto che riuscissi a seguire i miei piani alimentari senza che nessuno dicesse niente e che così riuscissi ad essere serena e con la coscienza a posto, ha fatto si che mi divertissi moltissimo e che questi giorni in compagnia si rivelassero estremamente piacevoli, molto più di quanto avessi immaginato.
Poi è arrivato Venerdì e questa gente doveva partire. D'un tratto abbiamo deciso di andarcene anche noi, senza aver programmato nulla, con pochi soldi in tasca e una valigia preparata in 3 minuti, io ed un'altra mia coinquilina ci siamo ritrovate in macchina, alla volta di Milano.
Adoro queste cose folli.

Qui però iniziano i problemi.
Se da un lato adoro viaggiare, fare le cose d'impulso, sperimentare, fare follie, da un lato, già dai primi minuti in macchina, è iniziata a salirmi l'ansia da cibo, mille dubbi su come avrei potuto anche solo saltare un pranzo essendo ospite dai genitori della mia coinquilina. PANICO!
C'è stato un momento in cui mi sentivo come ribollire lo stomaco. Mi mancava il respiro, sentivo le tempie pulsare e avrei voluto catapultarmi giù dalla macchina in corsa pur di poter tornare a casa mia, con il mio controllo, con le mie certezze...
Alla fine a Milano è andata come immaginavo: cibo cibo cibo... sushi, aperi-cene, pranzi di famiglia, cene di presentazione, colazioni con tutti e ovunque.. 
il primo giorno ho tentato di dire di no, di rifiutare ciò che mi veniva offerto ma tutti mi facevano domande, come al solito sottolineavano la cosa, e io detesto quando la gente parla di me, mi osserva, commenta, fa domande sul perché e per come .. alla fine ho mangiato. Colazione, pranzo, aperitivo, cena.
Mi sento male solo al pensiero.

Questa mattina alle 7.30 abbiamo trovato un passaggio con il servizio di car sharing ed ora sono a casa mia.
Ovviamente non ho il coraggio di pesarmi, ne di guardarmi bene e con la solita aria critica allo specchio.

Non voglio che pensiate che a Milano non mi sia divertita, anzi totalmente all'opposto.
Adoro quella città, le persone con le quali esco quando ci vado, i giri culturali, persino il traffico mi piace. Se l'avessi visitata prima di andare all'università avrei di certo scelto di frequentare la Bicocca.
Io amo Milano.
Come sempre ho fatto mille foto, ho riso tantissimo, camminato, fatto sciocchezze.
Sono stati giorni indimenticabili, densi di avventure, ma con sempre quella vocina che dentro di me grida e mi fa così tanto detestare la persona che sono.
E' sempre così e lo sarà finché non raggiungerò il mio obiettivo.

Ora ho un piano:
oggi digiuno fino a sta sera, quando dovrò andare ad una cena d'addio per un mio amico Erasmus, e non posso assolutamente mancare
da domani alternerò digiuni a semi digiuni in base agli impegni, agli amici ecc..
In tal modo dovrei recuperare questi giorni di festa a Milano e la cena di oggi.

mi sa che è venuto fuori un post lunghissimo ma ci tenevo ad aggiornarvi!
un abbraccio forte
Emy






martedì 22 luglio 2014

07.

Finalmente ho raggiunto la prima settimana di dieta. So che più passano i giorni senza sgarrare e più rientrare nella "giusta" mentalità è semplice.
Ieri sono stata messa alla prova e vado particolarmente fiera di come ho impostato la giornata senza perdere la testa; appena sveglia infatti ho scoperto che degli amici sarebbero venuti a farci visita e che pertanto tutti (tranne io ovviamente che temevo la cosa come possibile tentazione ad abbuffarmi) volevano andare fuori a mangiare la pizza e concludere la serata in giro per locali. Da subito ho iniziato a fare due conti con il cellulare, tentando ci capire quale piano d'attacco fosse il migliore al fine di ridurre al massimo le calorie. Ero seriamente terrorizzata dal poter cedere senza ritegno al solito meccanismo "o tutto o niente".
Alla fine avevo deciso: digiuno fino alla sera, giro per negozi in centro e doppia strada andata e ritorno a piedi fino all'università, dove dovevo recarmi sia al mattino che al pomeriggio per delle commissioni. Inaspettatamente è andato tutto come previsto: 17347 passi, 14,2 km percorsi e 647 kcal consumate, niente colazione, niente spuntini, niente pranzo, una pizza, due birre, un cocktail! Il calcolo calorico è alto lo stesso ma non mi importa perché mi sono molto divertita e, a parte qualche senso di colpa, la serata è stata fantastica e non mi sono abbuffata!

Inoltre fino ad ora ho perso circa 2 kg e questo ha reso la giornata di eri ancora più positiva. Se riuscissi a continuare così per il mio compleanno riuscirei ad avere un peso accettabile, il che mi motiva ancor di più a seguire la dieta.


Forse gli amici di ieri sera si fermano ancora qualche giorno in città. Questo mi spaventa molto ma non importa, farò in modo di tener duro e mangiare il meno possibile.

Mi sento così determinata e positiva.

Un abbraccio forte a tutte
Emy

domenica 20 luglio 2014

rincominciamo..

da mesi vado e vengo da blogger. Ho lasciato qualche post qua e la, ripromettendomi sempre di tornare a scrivere con frequenza. Tuttavia non sono riuscita a mantenere nessuno dei piani fatti e così ho continuato ad alternare abbuffate a digiuni a giorni più o meno normali, negandomi al web per pura vergogna.
Tralascio gli ultimi aggiornamenti sulla mia caotica vita e passo subito alle cose più importanti: sono tornata a dieta!
Non ne posso davvero più di questo corpo e di quello che sento ogni volta che devo uscire, che mi vesto, che vado in giro per negozi, che mangio, che incontro qualcuno, che devo fare una foto... così mi faccio realmente schifo!
Quindi da 4 giorni (oggi il 5°) mi sono rimessa in carreggiata. Le regole sono: mangiare stando sotto le 1000 kcal e fare attività per almeno 300 kcal, e per adesso le ho mantenute alla grande, anzi, sono stata al di sotto delle 800 kcal tutti i giorni e questo nuovo controllo mi motiva ancor di più a continuare.

Ora devo andare, volevo solo buttare giù due righe, in modo tale da non dover più rimandare la scrittura di questo post di ri-inizio. Ho già bevuto il mio caffè e devo preparami ed uscire.
Oggi pomeriggio sarò a casa e passerò a vedere i vostri blog.
Spero di ritrovarvi tutte.
Un abbraccio fortissimo
Emy